Cena di gale e mini tour fra le cantine dell’Etna con l’Unione Regionale Cuochi Siciliani

ef&w

Come ho già scritto nel post del racconto dei tre giorni di Expo Food & Wine, la sera del terzo giorno ho partecipato alla cena di gala, organizzata come seconda tappa del 32° Congresso dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani, iniziato alle Ciminiere all’interno di Expo Food & Wine, dove l’Urcs, guidata dal presidente Domenico Privitera, ha partecipato in qualità di partner e dove si sono svolti il “1° Trofeo delle Province Siciliane”, a cui hanno partecipato i team di Agrigento, Enna, Siracusa, Messina, Ragusa e Catania e il “1° Trofeo Giovani Emergenti 2015”, al quale hanno partecipato Giuseppe Geraci, Orazio Pappalardo, Ermes Picone, Giovanni Campo.

convegno cuochi

Prima di andare a Zafferana si è svolto il convegno: “I Cuochi: la ricetta del turismo”, che ha aperto ufficialmente i lavori del 32° Congresso regionale al quale sono intervenuti il presidente nazionale della Federazione Italiana Cuochi, Rocco Pozzulo, il presidente dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani, Domenico Privitera, l’organizzatrice di Expo Food & Wine, Alessandra Ambra, Federico Anzelotti, presidente nazionale Con.Pa.It. (Confederazione Pasticceri Italiani), Nico Torrisi, vicepresidente nazionale Federalberghi, il critico gastronomico de Il Giorno – QN online, Marco Mangiarotti, e la dirigente scolastica dell’istituto alberghiero “Giovanni Falcone” di Giarre, Monica Insanguine, moderati da Antonio Iacona.

Dopo il convegno, tutti a cena all’Esperia Palace Hotel di Zafferana Etnea.

IMG_5259 IMG_5258 IMG_5257 IMG_5261IMG_5264IMG_5263IMG_5265

Appena siamo arrivati, è stato offerto un ricco aperitivo a buffet dalle associazioni siciliane,

IMG_5268 IMG_5280IMG_5283IMG_5285IMG_5286

poi è arrivato il momento della cena: Gambero rosso di Mazara su dadolata di ortaggi profumata al timo con fonduta di ragusano Dop al tartufo; il riso dell’amicizia, dedicato a Gabriele Ferron, Vice Presidente della fondazione del Consorzio per la Tutela del Riso Vialone Nano Veronese, che si è impegnata a tutelare la semente, in procinto di estinzione; zuppa di ceci con finocchietto selvatico, spaghetto spezzato con dadolata di pesce, calamari e triglia in crosta di tumminia; pesce aggrassato con purè di sedano rapa, cubotto di patate e verdure di campo e cialdina di capperi; la pasticceria di Conpait Sicilia.

Durante la serata quale sono stati consegnati i Collegium Cocorum, un importante riconoscimento per gli chef italiani e sono stati premiati i vincitori dei concorsi: il “1° Trofeo delle Province Siciliane” è stato vinto dal team di Catania, seguito da Messina e Agrigento, mentre Giovane Emergente 2015 è stato scelto Giuseppe Geraci, dell’Associazione provinciale cuochi messinesi.

La serata è stata allietata dalla presenza dei comici Toti e Totino.

barbera zannicolleghi esperia

È stata una serata divertente trascorsa insieme ai miei colleghi vecchi e nuovi.

Il giorno seguente, per i cuochi e i giornalisti è stato organizzato un mini giro in tre cantine dell’Etna. Tipo gita scolastica siamo andati tutti assieme in pullman.

IMG_5314IMG_5291IMG_5292IMG_5297IMG_5298IMG_5302 IMG_5305visita cantine

La prima tappa è stata la cantina Barone di Villagrande, a Milo, dei miei cari amici Marco e Barbara Nicolosi, dove dopo un breve tour, durante il quale Marco ci ha parlato del territorio, illustrando i vigneti e le cantine e raccontandoci la storia della loro azienda e i processi di vinificazione, abbiamo degustato il loro Etna Bianco Superiore Doc (superiore di nome e di fatto!) e del pane condito con olio e olive, praticamente la colazione dei campioni…

IMG_5317IMG_5320IMG_5325IMG_5326

Poi ci siamo spostati a Castiglione di Sicilia alle cantine Cottanera, dove Francesco Cambria, uno dei proprietari dell’azienda, ci ha parlato del territorio, della loro storia e dei loro vini, accompagnando il tutto da una degustazione di alcuni vini, pane e olio.

Un po’ brilli, ma soddisfatti siamo andati alle cantine Patria, dove ad attenderci c’era la brigata dello chef Simone Strano, che ha preparato il pranzo, ma di questo vi racconterò un’altra volta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *